domenica, Febbraio 25, 2024

La guerra dei monopattini è finita, poiché Lime rivendica la vittoria

Il business degli scooter elettrici condivisi ha attraversato una serie di alti e bassi negli ultimi anni – per lo più bassi, se siamo onesti – ma ora un’azienda è pronta a rivendicare il ruolo di vincitrice.

Lime ha pubblicato una nuova serie di dati finanziari che, secondo lui, dimostrano che gli scarsi profitti dello scorso anno non sono stati un colpo di fortuna. La società ha registrato un fatturato lordo di 250 milioni di dollari nella prima metà dell’anno, un aumento del 45% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E sta pubblicizzando una redditività EBITDA rettificata di 27 milioni di dollari – la prima volta che la società ha raggiunto questo risultato nella prima metà dell’anno e un aumento del margine del 45% rispetto allo scorso anno – e una redditività non rettificata di 20,6 milioni di dollari.

LG:-ml-100″>

Dire che Lime si sente sarebbe sottostimare

Dire che Lime si sente sarebbe sottostimare. Come altre aziende di micromobilità continuano a perdere personale, uscire dai mercati e bruciare liquidità, Lime afferma che la tendenza è orgogliosa di andare nella direzione opposta. La società non condivide tutti i suoi parametri, come ricavi e costi, ma afferma che è sulla buona strada per un altro anno record.

“Penso che storicamente le persone credano sempre che ci sia una domanda per la micromobilità, ma questo è un settore che è disseminato di cadaveri di persone che semplicemente non riescono a far funzionare questo business”, ha detto il CEO di Lime Wayne Ting in un’intervista a Il limite. “Penso che forniremo un’enorme redditività e, si spera, arriveremo anche a un flusso di cassa libero positivo”.

Essere positivi per il flusso di cassa significa che Lime ha più soldi in entrata nell’azienda in un dato momento che in uscita. Ma non è la stessa cosa che avere un reddito netto o essere redditizio dopo aver adeguato i propri guadagni. Ting afferma che avere un flusso di cassa libero positivo significherebbe che Lime non avrebbe bisogno di raccogliere finanziamenti in capitale di rischio (che sarebbe comunque difficile in questo clima economico) per far crescere e mantenere la sua flotta di scooter elettrici.

“Arriviamo al punto della sostenibilità, che è sempre una specie di sogno per aziende come questa”, ha affermato Ting.

“Questo è un settore pieno di cadaveri di persone che semplicemente non riescono a far funzionare questo business”

Se questo ti suona familiare, non hai torto. Lime ha flirtato con la redditività dell’intero anno e con un flusso di cassa libero positivo per diversi anni, ma il covid ha continuato a mettere i bastoni tra le ruote a quei piani. Inoltre, Ting non sta dicendo che Lime raggiungerà sicuramente questi parametri entro la fine di quest’anno. Il business della micromobilità condivisa tende a rallentare durante i mesi più freddi. E Parigi ha recentemente votato per vietare gli scooter a noleggio dalle sue strade, una battuta d’arresto per Lime e altri operatori.

Tuttavia, Ting ha affermato che Lime sta ancora registrando numeri impressionanti di passeggeri in Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda. E con tutti i numeri giusti che tendono al rialzo, Lime si sta posizionando per una possibile IPO, che potrebbe attirare un’ampia coorte di nuovi investitori.

“Ora abbiamo tutti gli ingredienti per affrontare il problema, per trarre vantaggio da una IPO tradizionale proprio mentre il mercato sta emergendo”, ha affermato Ting. “Quindi mi sento davvero bene.”

Una IPO probabilmente non è probabile prima della fine del 2022, ha detto Ting, aggiungendo che molto dipende da una serie di altre IPO tecnologiche previste, tra cui Arm, Cava, Stripe e Instacart. “Creeranno l’atmosfera per la riapertura del mercato IPO”, ha aggiunto.

Ting ha preso in considerazione una IPO ormai da un po’, e per una buona ragione. Sulla scia della pandemia di Covid-19, una serie di Startup si sono quotate in borsa fondendosi con società di comodo chiamate SPAC, o società di acquisizione per scopi speciali, come scorciatoia per una IPO. Uccello, Helbiz, e una serie di altre società di scooter si sono fuse con le SPAC, così come hanno fatto numerose startup di trasporti di dubbia origine. E alla fine del 2020, sembrava che Lime avrebbe seguito l’esempio, tenendo colloqui con la banca di investimento Evercore sulla quotazione in borsa tramite SPAC.

Ma quando la mania della SPAC si è placata, Lime è rimasta un’azienda privata. Ting ha affermato che è stata la decisione giusta, sottolineando le difficoltà di concorrenti come Bird e altri che hanno visto crollare il prezzo delle loro azioni mentre gli investitori nutrivano dubbi sul futuro della micromobilità condivisa.

“Ora abbiamo tutti gli ingredienti per affrontare la situazione e trarre vantaggio da una IPO tradizionale”

“Penso che molte aziende (che) non dovrebbero essere pubbliche siano diventate pubbliche”, ha detto.

Bird, che ha contribuito a dare il via al boom degli scooter condivisi nel 2017, è stato un interessante contrasto con Lime. L’esperienza post-SPAC dell’azienda è stata piuttosto dura, incluso a avviso di continuità aziendale, la rivelazione di aver sopravvalutato le proprie entrate per due anni e una fusione con una società canadese che concede in licenza il suo nome. Ora lo ha fatto ha abbandonato i suoi sforzi per costruire il proprio scooter e li sta invece acquistando direttamente dai produttori cinesi. Si sta anche ritirando dai mercati nel tentativo di ridurre i costi e ridimensionare le proprie finanze.

Nel frattempo, Lime ha raddoppiato gli sforzi per costruire il proprio scooter, che è costoso ma necessario, ha detto Ting. Lime ha bisogno di costruire le proprie biciclette e i propri scooter, ha sostenuto, perché ciò aiuta a differenziare l’azienda dai suoi concorrenti, sia per i ciclisti che per le città che regolamentano le flotte. E per questo motivo, Lime ha visto i suoi aspetti economici unitari (quanti ricavi porta ogni singolo scooter per l’azienda) migliorare nel tempo. Ogni scooter ora dura sulla strada in media cinque anni, ha detto Ting.

“Abbiamo fatto una scelta costosa e l’abbiamo mantenuta per sei anni”, ha aggiunto, “costruiremo il nostro Hardware“.

“Penso che molte aziende (che) non dovrebbero essere pubbliche siano diventate pubbliche.”

Ting ha continuato criticando i suoi concorrenti per aver “esternalizzato e abbandonato” i loro programmi interni di ricerca e sviluppo a favore di componenti standardizzati. E temeva che l’industria degli scooter sarebbe tornata ai vecchi tempi degli scooter economici che si rompevano dopo diversi mesi di utilizzo.

Ma mentre Lime si allontana dai suoi concorrenti, la speranza è che possa sostenere la sua crescita prima di una possibile IPO e oltre. Lime non è stata la prima a offrire scooter elettrici condivisi a noleggio – questa distinzione va a Bird – ma potrebbe essere l’ultima azienda di scooter in piedi, soprattutto perché altre si fondono e il settore continua a consolidarsi ed evolversi.

“C’è una crescita straordinaria per l’intero settore, non solo per Lime”, ha affermato Ting. Storicamente, “le persone non hanno gestito buone imprese contro quella crescita… Dobbiamo gestire imprese sostenibili che possano reggersi sulle nostre gambe. E questo è ciò che Lime è stata in grado di dimostrare nell’ultimo anno e sicuramente nella prima metà di quest’anno”.

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: