mercoledì, Luglio 24, 2024

Panasonic MZ2000: intervista a Aster Mollica sul presente e il futuro delle Smart TV

PANASONIC MZ2000: ALCARE LA QUALITÀ DEI TELEVISORI TOP DI GAMMA

Nessun mercato si muove così rapidamente come quello della Tecnologia, soprattutto quella dedicata all’intrattenimento, un ambito sempre più preponderante nelle nostre vite e per il quale pochi sono disposti a scendere a compromessi. In questo scenario in costante evoluzione, Panasonic ha recentemente portato in Italia la famiglia di televisori della serie MZ2000, serie che, ancora una volta, vuole alzare l’asticella dello standard di qualità dei televisori top di gamma.

Per rispondere a domande sulle ultime tendenze e le peculiarità di questa nuova serie di televisori, abbiamo avuto il piacere di intervistare Aster Mollica, Trade Marketing Specialist di Panasonic Italia.

PANASONIC MZ2000 E I TREND DEL PRESENTE E DEL FUTURO

Come anticipato e come sviscerato nella nostra recensione del Panasonic MZ2000, la nuova famiglia di televisori di Panasonic è dotata della nuova struttura “Master OLED Ultimate” dell’Azienda, che utilizza un nuovo pannello all’avanguardia con Micro Lens Array (non disponibile nel modello da 77″). Si tratta di una rarità sul mercato che si allontana notevolmente dalle tecnologie più in voga ultimamente e che mira a fornire un nuovo standard nel settore premium con qualità Video e audio davvero eccezionali.

Tra OLED e Micro Lens Array, abbiamo chiesto ad Aster Mollica se in Panasonic ci fosse posto anche la tecnologia 8K, in trending e ci ha risposto che “in passato è stata analizzata la possibilità di sviluppare quale modello, soprattutto durante il periodo delle Olimpiadi in Giappone del 2021. L’idea era quella di legare le Olimpiadi alla qualità 8K, almeno sul mercato casalingo del Giappone e poi magari esportarlo nel resto del mondo. Ma nel tempo che è intercorso tra l’olimpiade precedente e il 2020, si è visto che di contenuti in 8K ne esistono davvero pochi poiché non è stato adottato dal mondo del Cinema, anche perché non è adatto al mondo cinematografico. Alla fine, ci siamo concentrati, proprio in quegli anni, sulla serie 2000 e sul migliorare il più possibile un pannello di produzione esterna per avere il top della qualità con la tecnologia OLED.”

Quello dell’8K è effettivamente un argomento un po’ spinoso che più che spingere su una reale qualità visiva, che può essere superata nel complesso da altre tecnologie, diventa un mezzo di comunicazione e marketing di più facile intuizione da parte del grande pubblico. Dietro a ciò si cela anche un impatto non indifferente sui consumi elettrici e soprattutto sui costi del prodotto finale.

Parlando di trend, non potevamo non citare l’attenzione che si sta dando in tempi recenti sui grandi tagli dei televisori consumer, arrivati a superare i 100”. Mollica ci conferma che attualmente il taglio più grande oggi disponibile per un TV Panasonic è di 85” a tecnologia LED. Dimensioni più importanti sono state offerte in passato ma per un pubblico più specializzato, mentre per il mercato consumer l’attenzione è rivolta principalmente alla qualità audio e video che non alle dimensioni, evitando così un posizionamento di prezzo molto elevato su prodotti di difficile posizionamento all’interno delle comuni abitazioni.

LA POSIZIONE DI PANASONIC OGGI

Tra crescite e cambi di rotte del mercato, Panasonic è riuscita a mantenere una fedele fetta di pubblico che, insieme alla qualità e all’innovazione dei suoi prodotti, le ha permesso di detenere una posizione salda nello scenario internazionale. Panasonic è da sempre stata la scelta di un pubblico specializzato e con alte conoscenze tecniche che conoscono la qualità dei dispositivi Panasonic e della versatilità dei loro prodotti. Recentemente e ancora di più con la serie MZ2000, l’Azienda si sta avvicinando al grande pubblico offrendo la stessa alta qualità con un’interfaccia più semplice e d’effetto.

“L’idea è quella di un televisore “da godere”, ma più per la famiglia, con un nuovo menù e uno sviluppo più della parte gaming grazie a collaborazioni molto forti. A livello di menù e funzionalità si ha la possibilità di godere della qualità di un TV Panasonic, abbastanza indiscussa, ma rivolte ad una clientela più vasta quindi con ausili. Allo stesso tempo non mancano le opzioni per un pubblico più “nerd” che vuole ottenere Immagini e qualità più specifiche,” dichiara Mollica.

E proprio con la serie MZ2000 che questa intenzione si cementifica con il sistema operativo nativo di Panasonic “My Home Screen” arrivato alla versione 8.0, che porta con sé tutte le peculiarità della UI che abbiamo imparato ad amare negli anni. Troviamo le funzioni di personalizzazione, le piattaforme di intrattenimento, come Netflix, Amazon Prime Video o Disney+, i preset di immagine predefiniti a seconda della situazione e così via. A questa si aggiunge anche una schermata specifica per i Videogiochi, in cui selezionare con un click del telecomando la migliore qualità d’immagine a seconda del genere di gioco che si sta giocando. In termini di qualità, dopo il nostro test, non potevamo portare alla luce la straordinaria resa della nuova serie 2000 che, oltre ad una soundbar integrata Dolby Atmos, vanta anche una serie di casse audio che offrono una delle migliori qualità sonore mai provate.

“L’idea di creare una collaborazione con Dolby Atmos (oltre che Vision) è nata alla presentazione del CES di Las Vegas della prima serie 2000,” racconta Mollica, “È nata quindi una Smart TV con una soundbar integrata e non esterna come fatto in precedenza. La formula di una soundbar esterna ha avuto parecchie critiche non sulla qualità audio ma piuttosto sull’impatto visivo, poiché si trattava comunque di un oggetto importante ma staccato dal televisore. Alla fine la scelta è stata quella di integrare la soundbar al televisore insieme ad altre casse Dolby Atmos, anch’esse integrate. Negli ultimi due anni, la soundbar è diventato un vero e proprio proiettore sonoro in grado di orientare l’audio nel modo più fedele possibile. La componente audio è molto importante per creare l’immersività.”

CHE NE È DEL cloud GAMING NEI TELEVISORI PANASONIC?

Restando in campo “videogiochi”, abbiamo chiesto più informazioni riguardo le integrazioni dei TV Panasonic con il Cloud Gaming, tema caldissimo degli ultimi mesi. Non è un segreto che alcuni concorrenti abbiano integrato la tecnologia Cloud all’interno dei propri dispositivi, collaborando con Xbox o Nvidia e i rispettivi sistemi Xbox Cloud e Nvidia GeForce Now.

In merito a ciò ci è sembrato che Panasonic non avesse interessi, ma durante l’intervista ad Aster Mollica, abbiamo appreso che Panasonic ha preferito per il momento restare in disparte e osservare l’evolversi della tecnologia del Cloud Gaming. Effettivamente gli intoppi non sono mancati, che sia la chiusura di servizi come Google Stadia o l’eccessiva dipendenza dei vari servizi cloud da un’infrastruttura più ampia, come la velocità di connessione internet o l’efficienza dei server.

L’azienda ha preferito concentrarsi più sulla compatibilità delle console di nuova generazione (ormai “attuale generazione”), diventando difatti una delle prime aziende a fornire dei televisori che possano rappresentare al meglio la qualità offerta da PlayStation 5 e Xbox Series X/S. Ed è proprio qui che si cela la filosofia e in parte il successo di Panasonic: offrire delle tecnologie solamente quando si è in grado di garantire che quella tecnologia funzionerà nel migliore dei modi.

Aster Mollica intervista televisori panasonic

ARTICOLI COLLEGATI:

ULTIMI ARTICOLI: