HomeZoomStanchezza da Zoom? Quattro modi per allegerire le videochiamate estenuanti

Stanchezza da Zoom? Quattro modi per allegerire le videochiamate estenuanti

Chiunque sia stato costretto a utilizzare regolarmente strumenti di videoconferenza negli ultimi mesi avrà familiarità con i loro effetti collaterali dello zapping energetico, un termine che ora è stato ufficializzato come “fatica da zoom”, probabilmente con grande sgomento di Zoom.

Ora, c’è un sostegno scientifico dietro questo fenomeno. I ricercatori della Stanford University hanno pubblicato il primo studio in assoluto sottoposto a revisione paritaria sugli effetti psicologici della fatica da riunione video. Nel documento, pubblicato sulla rivista Technology, Mind and Behaviour, il ricercatore Jeremy Bailenson identifica quattro cause principali dell’esaurimento delle videoconferenze, nonché metodi per contrastarne gli effetti negativi.

Il contatto visivo ravvicinato è intenso

Le chat video sono intrinsecamente innaturali. Sia la quantità di contatto visivo che ci impegniamo durante le chat video, sia la dimensione dei volti sugli schermi, non è qualcosa che sperimenteremmo nelle normali riunioni faccia a faccia, afferma Bailenson.

In una riunione normale, le persone passeranno dal guardare l’oratore, prendere appunti o guardare altrove nella stanza. Mentre in una chat Zoom, tutti fissano costantemente lo schermo, aumentando notevolmente il contatto visivo.

Questo non è qualcosa a cui siamo abituati, spiega Bailenson. “L’ansia sociale del parlare in pubblico è una delle più grandi fobie che esistono nella nostra popolazione. Quando sei in piedi e tutti ti fissano, è un’esperienza stressante”.

Anche vedere un mucchio di teste fluttuanti così da vicino è sconcertante, poiché induce il nostro cervello a pensare che stiamo vivendo una situazione intensa – l’unica volta che il viso di qualcuno sarebbe così vicino al nostro in un contesto di vita reale, spiega Bailenson.

“Quello che sta succedendo, in effetti, quando usi Zoom per molte, molte ore è che sei in questo stato di ipereccitazione.”

Soluzione: rimuovi lo zoom dalla modalità a schermo intero o riduci le dimensioni delle finestre dell’app per far apparire i volti più piccoli sullo schermo e sederti più lontano dallo schermo.

Vedere la tua faccia tutto il tempo è estenuante

C’è una grande differenza tra guardarsi allo specchio un paio di volte al giorno e averne uno davanti al viso mentre parli con altre persone.

Questo è essenzialmente ciò che accade quando prendiamo parte alle videochiamate e gli studi hanno dimostrato che le persone sono più critiche di se stesse quando vedono il proprio riflesso.

Non c’è da stupirsi, quindi, che vedersi in chat video più volte al giorno sia così estenuante. “È faticoso per noi. È stressante. E ci sono molte ricerche che dimostrano che ci sono conseguenze emotive negative nel vedersi in uno specchio”, dice Bailenson.

Soluzione: nasconditi dalla visualizzazione nella finestra della chat.

Stare fermo e parlare è innaturale

La maggior parte delle riunioni si svolgerà probabilmente seduti, ma doversi inquadrare in un campo visivo molto limitato limita la nostra capacità di muoverci ulteriormente e in modi che non sono naturali.

C’è anche una base scientifica dietro l’idea che alzarsi e muoversi può aiutare a far scattare i neuroni. “C’è una ricerca in crescita ora che dice che quando le persone si muovono, hanno prestazioni cognitive migliori”, dice Bailenson.

Soluzione: creare più spazio tra te e la videocamera. Procurati una tastiera esterna se utilizzi un laptop e pensa allo spazio in cui vuoi effettuare le videochiamate. Puoi anche spegnere la fotocamera se vuoi muoverti un po ‘.

Il carico cognitivo è al massimo

La comunicazione non verbale costituisce una parte enorme delle nostre interazioni faccia a faccia ed è così inerente al nostro comportamento che di solito non dobbiamo pensarci molto.

Quando parliamo tramite videochiamate, dobbiamo pensare molto più attentamente a come possiamo trasmettere come ci sentiamo, ed essere anche più consapevoli di come gli altri potrebbero interpretare ciò che diciamo o facciamo. Questo è estremamente faticoso per il nostro cervello, che deve fare gli straordinari per inviare e ricevere segnali non verbali dagli altri.

“Devi assicurarti che la tua testa sia inquadrata al centro del video. Se vuoi mostrare a qualcuno che sei d’accordo con lui, devi fare un cenno esagerato o alzare il pollice”, dice Bailenson.

“Questo aggiunge carico cognitivo mentre usi calorie mentali per comunicare”.

Soluzione: ancora una volta si tratta di spegnere la videocamera e di concedersi una pausa solo audio. In questo caso, tuttavia, Bailenson suggerisce di allontanare effettivamente tutto il corpo dallo schermo per sfuggire a “gesti che sono percettivamente realistici ma socialmente privi di significato”.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial