HomeZoomZoom lancia il market per app di terze parti

Zoom lancia il market per app di terze parti

L’app di videoconferenza Zoom sta cercando di mantenere il suo successo di blocco con due grandi nuove funzionalità: un mercato chiamato OnZoom che consentirà agli utenti di pianificare e monetizzare eventi virtuali e nuovi modi per app aziendali.

Innanzitutto, OnZoom. Questa è una piattaforma di “scoperta e monetizzazione di eventi” che renderà più facile trovare eventi virtuali in una vasta gamma di categorie, afferma Zoom – dai corsi di cucina alle conferenze, allo stand-up e altro ancora. Fondamentalmente, qualsiasi evento o attività che potresti aver già svolto tramite Zoom (o altro software di videoconferenza) sarà disponibile, con strumenti integrati per la vendita di biglietti, la pianificazione e la promozione.

Gli organizzatori avranno bisogno di un account Zoom a pagamento per ospitare eventi, ma chiunque può guardarli. Il numero di partecipanti, tuttavia, sarà limitato dall’account a pagamento dell’organizzatore, fino a un massimo di 1.000 partecipanti. I pagamenti verranno elaborati tramite PayPal o carta di credito e i biglietti per gli eventi possono essere acquistati come regali. OnZoom è attualmente disponibile negli Stati Uniti come beta e si espanderà a livello globale nel 2021.

Meno entusiasmante ma più pratica è l’integrazione di Zoom di app di terze parti direttamente nelle chiamate. Ciò significa che sarai in grado di fare cose come accedere alle attività in Asana o ai documenti archiviati in Dropbox senza passare a un’altra finestra. In un atto di insopportabile marchio aziendale, Zoom ha deciso di chiamare queste integrazioni di terze parti “Zapps”.

Zoom afferma che più di 35 aziende stanno realizzando tali app, tra cui Asana, Atlassian, Box, Cameo, Chorus, Coda, Coursera, Docket, Dot Collector, Dropbox, Gong, Hubspot, Kahoot, Kaltura, LoomieLive, LucidSpark, Miro, Mural, PagerDuty , Pitch, Remix Labs, Rev, Salesforce, ServiceNow, Slack, Slido, Superhuman, SurveyMonkey, Thrive Global, Unsplash, Woven, Wrike, WW e Zendesk. Tuttavia, non è chiaro quando ciascuno di questi sarà disponibile.

“Gli Zapp aiutano a far emergere tutte le applicazioni necessarie per essere produttivi e consentono il libero flusso di informazioni tra i team prima, durante e dopo la riunione”, ha affermato la società in un comunicato stampa. “Pensa a Zapps come a un app store proprio dove ne hai più bisogno: in una riunione Zoom, chat, webinar, telefonate e persino nella directory dei tuoi contatti.”

zoom app di terze parti

Una notevole integrazione di terze parti qui, tra i soliti sospetti di produttività aziendale, è Kahoot, una piattaforma educativa popolare nelle scuole (e fuori di esse) per la creazione di quiz. L’integrazione di Kahoot direttamente in Zoom potrebbe rendere più fluida l’esperienza del quiz. Quindi, se stai andando in blocco quest’inverno, almeno puoi usare Zoom Zapp di Kahoot per organizzare un rapido quiz virtuale mentre la pandemia infuria. In che mondo viviamo.

RELATED ARTICLES

Ultime Notizie

Ultimi Tutorial